APE – Attestato di Prestazione Energetica, nuove regole

L’APE – attestato di prestazione energetica- è un documento ufficiale, che solo un tecnico abilitato può rilasciare, che sintetizza le caratteristiche energetiche dell’immobile: l’indice di prestazione energetica (IPE) e la classe energetica. L’APE rientra in uno specifico progetto della Comunità Europea.

L’attestato sugli edifici è obbligatorio quando si propone e si pubblicizza un immobile da mettere in vendita o locazione. Con il decreto legge 145 art. 1 comma 7 del 23/12/2013, i contratti di compravendita immobiliare e di locazione devono avere un’apposita clausola con la quale l’acquirente o il conduttore dichiarano di aver ricevuto le informazioni e la documentazione, comprensiva dell’attestato, in merito all’attestazione della prestazione energetica. Copia dell’Attestato di Prestazione Energetica deve essere allegato al contratto, tranne per le locazioni di singole unità immobiliari. L’obbligo permane per la locazione di interi edifici. In mancanza di tale clausola le parti sono soggette ad una sanzione. L’APE che va allegata obbligatoriamente ai contratti di vendita non è assoggettata a marca da bollo e imposta di registro.

Con il nuovo Decreto Legge del 26 giugno 2015 ci sono alcune novità in merito all’ Attestato di Prestazione Energetica:

  • nuove linee guida per tutto il territorio nazionale per la compilazione dell’APE;
  • le classi energetiche da 7 diventano 10: A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G;
  • nuove metodologie per il calcolo APE;
  • nuovi schemi a cui il tecnico deve attenersi per compilare l’APE tra cui le raccomandazioni per migliorare l’efficienza energetica;
  • precise modalità per la compilazione dell’annuncio immobiliare.

Dal 1° ottobre 2015 sarà necessario affiancare agli annunci commerciali di vendita e locazione la targa energetica il cui modello è contenuto nelle nuove linee guida nazionali per la redazione dell’Attestato di Prestazione Energetica. La targa deve essere fornita insieme all’attestato, dal tecnico abilitato, e contenere sia la classe energetica dell’edificio che l’indice di prestazione energetica. E’ fatto obbligo dell’utilizzo, con l’esclusione degli annunci via internet e a mezzo stampa, del format approvato con il decreto.

Il nuovo decreto ha anche introdotto il nuovo sistema di monitoraggio e controllo degli attestati di prestazione energetica, il SIAPE, che entrerà in funzione entro 90 giorni a partire dal 1° ottobre.